Prima di tutto non allarmarti: capita spesso che, nonostante le mille attenzioni di una mamma, anche i piccolissimi siano esposti ai classici raffreddamenti, dovuti a sbalzi di temperatura e a forme virali, facilmente trasmissibili attraverso starnuti o colpi di tosse.

Nulla di preoccupante, in ogni caso. Tieni presente però che il raffreddore può risultare particolarmente fastidioso nei bimbi piccoli che non possono soffiarsi il naso e dunque liberare facilmente le vie respiratorie. Potrà capitare così che, col nasino chiuso, il piccolo dorma meno o sia disturbato anche durante il momento della pappa.

Ecco allora dei pratici suggerimenti per lenire il fastidio del raffreddore nei bebè.

1. La prima cosa a cui devi prestare attenzione è l'ambiente in cui dorme il piccolo: accertati che la cameretta  non abbia un clima troppo caldo e secco e, se fosse necessario,  utilizza degli appositi umidificatori. Questo per evitare di seccare ulteriormente le mucose del bebè e prevenire la formazione di crosticine che renderebbero ancora più faticosa la respirazione.

2. Per liberare il nasino, soprattutto prima della nanna o della poppata, ti sarà inoltre utile fare dei lavaggi nasali con della semplice acqua fisiologica. Puoi trovare in commercio pratici flaconi monouso, perfetti anche da usare fuori casa o, in alternativa, puoi utilizzare una piccola siringa senza ago.

3. Se i lavaggi nasali non sono sufficienti, prova a rimuovere il muco in altro modo: anche in questo caso non avrai difficoltà a trovare in farmacia delle semplici pompette o degli aspiratori nasali pensati proprio per liberare il naso dei bebè . Non spaventarti se il piccolo dovesse piangere un pochino: come nel caso dei lavaggi nasali, per lui non sono "manovre" molto piacevoli, tuttavia gli permetteranno di respirare meglio subito dopo. Non preoccuparti quindi: non sono soluzioni dannose e non provocano alcun dolore.

4. Per dare un'immediata sensazione di sollievo e per regalare al piccolo una coccola speciale, puoi sfruttare anche l'azione di un balsamo ad hoc: come il Balsamo Sollievo di Mustela. Va applicato con un leggero massaggio e permette al bimbo di riposare meglio grazie alle essenze purificanti contenute, a base di pino e rosmarino. Senza contare che ha anche un’azione rilassante, ideale per calmare il piccolo.

5. Per far riposare meglio il bimbo, prova anche a sollevare il materasso con un cuscino, in modo che il piccolo tenga la testa leggermente inclinata: questo faciliterà la fuoriuscita del muco evitando che il nasino possa intasarsi maggiormente.

6. Infine, ricordati che quando il bimbo ha il raffreddore è importante fornirgli una maggiore quantità di liquidi. Se il piccolo è già svezzato tieni sempre a portata di mano un biberon d’acqua da offrirgli, se invece stai allattando,  aumenta la frequenza delle poppate.  L’assunzione di liquidi è indispensabile infatti per rendere il muco più fluido e fare quindi  in modo che venga espulso più facilmente.

In caso di febbre alta o comunque per chiarirti ogni dubbio sulle condizioni di salute del piccolo, non esitare a chiedere il parere del tuo pediatra che saprà tranquillizzarti e fornirti indicazioni utili. Ma tieni presente che, anche se comporta qualche lieve fastidio, il raffreddore passerà nel giro di una settimana.