Cucinare insieme ai bambini: le ricette per un pomeriggio di allegriaFebbraio 2017

Non c'è niente di più efficace, con un bambino che ha difficoltà a mangiare cose nuove, del mettersi a cucinare insieme!

 

Toccando gli ingredienti con mano, imparando a conoscerli prima dall'esterno, dopo un po' arriva la curiosità e infine il coraggio di assaggiarli, inoltre il fatto stesso che quella cosa l'hanno preparata loro, aumenta le probabilità che la trovino buona.

 

In ogni caso, la soddisfazione di assaggiarla se la devono togliere!

 

Cucinare vuol dire stimolare il gusto attraverso tutti i sensi, iniziando a percepire il cibo non solo con la bocca, ma con la vista, l'olfatto e soprattutto il tatto.

Io l'ho imparato sulla mia pelle, passando dall'essere la bambina che non mangiava niente... alla ragazza che mangia tutto, poco dopo essere andata a vivere da sola.

 

Come iniziare a cucinare con i bambini?

 

Ecco qui il nostro schema

 

1 Scegliere insieme la ricetta
2 Fare la spesa insieme
3 Lavarsi le mani
4 Preparare tutti gli ingredienti e gli strumenti
5 Rileggere insieme la ricetta
6 Cucinare
7 Assaggiare

 

E cosa più importante, durante tutte le fasi: DIVERTIRSI!

 

 

Quali ricette?

 

Il tipo di ricetta cambierà a seconda dell'età e dell'esperienza dei bambini, che alla fine potranno arrivare a preparare piatti complessi in totale autonomia.

Per iniziare però, è importante partire da ricette semplici, con pochi ingredienti e sapori facili da distinguere.
In questo post vi proporrò due ricette, una dolce e una salata, da poter preparare con i bambini.

 

CIAMBELLINE AL SUCCO D’ARANCIA

Per questa ricetta non serve la bilancia! Per dosare gli ingredienti vi basterà avere una "unità dosatrice", intesa come un contenitore a vostra scelta, ad esempio un bicchiere o un vasetto di yogurt.
Una volta scelto il vostro contenitore, usate sempre quello per dosare gli ingredienti. Quindi, se avete scelto di usare un vasetto vuoto dello yogurt, quando leggete "1 unità di zucchero" si intende un vasetto dello yogurt pieno di zucchero.

 

Ingredienti:

1 unità di zucchero
1 unità di olio di semi
1 unità di succo d'arancia
5 unità (circa) di farina
zucchero quanto basta per cospargerli all’esterno

 

Procedimento:

Unite tutti gli ingredienti in una ciotola e lavorateli fino ad ottenere un impasto bello compatto, dalla consistenza simile alla pasta frolla. Se risulta troppo morbido aggiungete un altro po' di farina. A questo punto non resta che formare i biscottini/ciambelline!
Staccate di volta in volta dei pezzetti dall'impasto, formate dei "salamini" e poi chiudeteli a formare una ciambellina. 

Passate la ciambellina nello zucchero (messo in un piattino) e poi ponetele sulla placca rivestita da carta forno. La consistenza dell'impasto risulterà familiare ai bambini perché molto simile al pongo perciò per loro sarà facile e divertente dare forma ai biscottini, che non dovranno avere per forza la forma di una ciambella, quindi via libera all'immaginazione e al "tocco dello chef"! Preriscaldate il forno a 180° e infornate per una ventina di minuti. Quando i biscotti risulteranno dorati vuol dire che sono pronti! Lasciateli raffreddare per qualche minuto...e poi via libera all’assaggio!

 

 

GNOCCHI DI PANE
Gli gnocchi di pane sono un'ottima idea per un primo piatto da cucinare insieme, perchè permettono ai bambini di mettere le mani in pasta, cosa sempre molto divertente e ideale per entrare in confidenza con il cibo.

 

Ingredienti:

300 gr di pane raffermo
2 bicchieri di latte
200 gr di farina bianca 00
1 uova
20 gr di Parmigiano grattugiato
sale e pepe q.b.

 

Preparazione:

Mettete il pane spezzato in una ciotola e bagnatelo con il latte tiepido e lasciatelo lì finché non si sarà completamente ammorbidito. Strizzatelo bene e ponetelo in un'altra ciotola. Grattugiate il parmigiano. Unite la farina, l'uovo il parmigiano grattugiato, sale e pepe. Mescolate.

 

Ora non resta che dare forma agli gnocchi! Se non volete usare il coltello, basterà formare delle palline con l'impasto, altrimenti (per i bambini più grandi) formate dei serpentoni e poi tagliateli a tocchetti formando gli gnocchi.
Mettete a bollire dell'acqua salata e calateci dentro gli gnocchetti.
Appena emergono sulla superficie vuol dire che sono pronti per essere scolati!
Potete condirli come volete, con un sughetto di pomodoro o burro e parmigiano :)
il mio consiglio è di provare la ricetta più volte cambiando di volta in volta il condimento.

 

 

 


    

Silvia Lonardo

Ciao io son Silvia, ho due bimbi e lo ammetto, da sempre col gioco ci vado a braccetto
sarà che un bel po' son rimasta bambina, io non sogno le scarpe, ma la plastilina!
Quando son tra i bambini sto nel mio elemento, per trovarmeli intorno ci metto un momento
La voglia di fare a me proprio non manca, non riesco a fermarla neanche quando son stanca
Io prendo problemi, lune storte, bollette... e li trasformo in storie, disegni e vignette!"

www.cosedamamme.it

 

Vota l’articolo

Il tuo messaggio

LEGGI ANCHE:

0

Le malattie infettive sono patologie causate da agenti patogeni che entrano in contatto con un individuo, si riproducono e provocano un’alterazione all’interno dell’organismo.

 

La parola alla Dott.ssa Iria Neri..
0

Fiori che sbocciano, aria frizzante e giornate più lunghe: ormai la Primavera è nel suo pieno splendore e con lei la possibilità di dare un taglio alle vecchie abitudini invernali per lasciarsi ispirare da nuovi colori, profumi e sapori. 

 

E' arrivata la bella stagione! Ecco alcune ricette per i vostri piccoli!
0

Cerchiamo di capirne di più su questa particolare condizione pediatrica..

 

L'eczema atopico o dermatite atopica (DA) è una patologia infiammatoria ad andamento cronico-recidivante che alterna fasi di malattia a periodi di guarigione e si manifesta con aree di eczema secco o umido associate a prurito, di solito intenso. La pelle dei soggetti interessati è solitamente secca.
5

La gita fuori porta di pasquetta è una di quelle tradizioni che fa sempre molto piacere rispettare, quando il tempo lo permette.

 

Alcune idee per una Pasquetta fuori porta con i bambini!
5

Qualche chilo di troppo dopo il parto? Tranquilla: capita alla maggior parte delle mamme. Passato il primo periodo di eccitazione, felicità, nuove abitudini e sconvolgimenti che l’arrivo di un bebè regala, può capitare di guardarsi allo specchio e di non riconoscere più il proprio corpo.

 

Hai partorito da un po’ ed ora ti ritrovi con qualche chilo di troppo?