tutto quello che bisogna sapere

Che cosa è la toxoplasmosi?

È una malattia causata dall’ ingresso, all’interno dell’organismo, di un parassita molto diffuso nel mondo chiamato TOXOPLASMA GONDII.

Questo microrganismo può contagiare diversi animali, come uccelli, molluschi, rettili e mammiferi, ma è in

grado di concludere il suo ciclo vitale soltanto nei gatti. Il Toxoplasma si può trasmettere da un animale

all’altro attraverso l’assunzione di carne infetta e vegetali contaminati dagli escrementi di animali infetti,

ma anche tramite il contatto con terreni in cui siano presenti feci e urine di questi animali.

 

Come può avvenire il contagio?

  • Mangiando carne cruda o poco cotta (la cottura elimina il parassita)
  • Mangiando vegetali non lavati accuratamente, potenzialmente contaminati da feci di animali
  • Attraverso le mani sporche (portandosele in bocca o negli occhi) dopo aver toccato carne cruda,

terra, vegetali o materiale contaminato da feci/urine di gatto

  • Con trasfusioni o trapianti d’organo

 

È una malattia pericolosa per tutti?

No! È una malattia abbastanza diffusa e non grave per chi ha un buono stato di salute ed i sintomi spesso non si avvertono nemmeno o sono simili a quelli di un’influenza.

 

Diventa invece pericolosa per due gruppi di popolazione:

  • donne in gravidanza, poiché può passare al feto attraverso la placenta se contratta per la prima volta nella vita durante la gravidanza. Gli effetti di questa trasmissione materno/fetale varia a seconda del periodo della gravidanza
  • persone immunodepresse, portatrici di HIV/AIDS, persone affette da tumore o con trapianto d’organo

 

Come si fa a sapere se si ha avuto in passato la malattia, se è in corso o se invece non si è mai stati contagiati?

Con un semplice esame del sangue, TOXO-TEST, che rileva la presenza di anticorpi che il corpo produce quando si contrae la malattia.

E’ un esame da fare quando si sta cercando una gravidanza e non appena si scopre della gravidanza in atto: da ripetere periodicamente per tutto il periodo della gravidanza se la donna è recettiva, ovvero non ha mai contratto la malattia.

 

Esiste un vaccino anti-toxoplasmosi?

No! Ma chi contrae la malattia produce anticorpi specifici che proteggono per tutta la vita

 

Quali sono i comportamenti adatti per prevenire il contagio?

  • Lavare, lavare, lavare!
  • Lavare bene le mani prima di cucinare, prima di mangiare, lavare bene gli utensili e il piano di cucina, lavare le mani dopo che si ha fatto giardinaggio (l’ideale è usare sempre i guanti!), lavare bene gli attrezzi usati 
  • Cuocere bene la carne e lavare bene i vegetali che si mangiano crudi

 

Se si ha un gatto in casa?

Niente panico! Non guardiamolo come un nemico e soprattutto non allontaniamolo perché bastano semplici accorgimenti e la convivenza con lui può tranquillamente continuare:

  • Pulire bene la lettiere, le ciotole ogni giorno con guanti (o si delega!)
  • Non alimentarlo con carne cruda, ma con cibi industriali o secchi e ben cotti
  • Non lasciarlo uscire per non farlo cibare di topi e uccelli che possono essere infetti
  • Avvisare il veterinario di fiducia che valuta lo stato di benessere dell’animale domestico e decide se fare test specifici all’animale
  • Avvisare lo specialista che sta seguendo la gravidanza 

 

Cosa fare se in gravidanza gli esami del sangue rilevano la presenza della toxoplasmosi?

Rivolgersi immediatamente dallo specialista, che prescriverà una serie di esami diagnostici in centri specializzati in malattie infettive: inizia così un iter che prende in carico la donna gravida ed il nascituro, che proseguirà fin dopo la nascita del bambino.

 

 

Daniela Pergola 

Ostetrica libera professionista

 

Sito | Facebook

 

Articoli che ti potrebbero piacere

Immagine
advice epilation mini
GRAVIDANZA E POST PARTUM

Benessere

Vene varicose in gravidanza

Immagine
advice nausees mini
GRAVIDANZA E POST PARTUM

Disturbi, allergie e malattie

Infezioni in gravidanza