Le 5 cose che una mamma deve fare dopo il parto

I consigli per un post-parto tranquillo e sereno
 
Chiusa quella porta, siete solo voi e il piccolo o la piccola, facciamo anche i piccoli nel caso di gemelli. La tua vita è cambiata in un istante, quello del parto, e non sarà mai più la stessa. È iniziata la tua più grande avventura, la costruzione di un nuovo equilibrio in famiglia
 
E perché questo cammino sia sereno e non diventi una strada in salita devi prima di tutto adottare un vademecum chiaro prima per te eppoi anche per gli altri, che purtroppo oltre a essere dei supporti possono diventare degli ostacoli. Semplicemente perché non sei stata chiara, o non siete stati chiari. E siccome lo stress lo hai lasciato fuori dalla porta quando sei tornata a casa ecco le 5 cose da fare perché sia serenità e semplicità siano le parole chiave del post-parto:
 
1. Delegare il più possibile e lascia andare il controllo: le pulizie, la preparazione dei pasti (se prima del parto non hai congelato nel freezer vivande come se non ci fosse un domani), il rifacimento dei letti, la spesa, le commissioni, il pagamento delle bollette alla posta e ogni altra situazione che ti viene in mente che non necessiti della tua presenza fisica! A chi? Alla mamma, alla suocera, alla tua migliore amica, alla tua vicina, al marito, a tuo cognato single, alla conoscente e alla madre dell’amichetta di tua sorella, insomma a chiunque si mostri un minimo interessato a dare una mano. E niente sensi di colpa, un giorno ricambierai!
 
2. Fissare le visite dei parenti e amici a un orario fisso della giornata e solamente dopo una settimana che sarete tornati a casa, così avrai modo di capire qual è la parte del giorno più congeniale per te e per il bebè per avere ospiti. Telefona a tutti i parenti e amici con una agenda aperta davanti e fissa loro un appuntamento chiaro e certo, motivandolo semplicemente con la serenità e il benessere del bambino “che si stranisce se ha troppi rumori attorno”. È la pura e semplice verità, da oggi è la tua priorità che lo sia anche per gli altri. Capiranno tutti, magari qualcuno storcerà la bocca ma si adeguerà… vuoi mettere essere l’unico a non vedere il nuovo arrivato? Non sia mai.
 
3. Concediti del tempo per te: leggi un libro, vai dall’estetista, fatti un massaggio orientale al cioccolato, vai per negozi, fai jogging o sport, cammina o semplicemente prenditi un caffè con un’amica o un pasto come piace a te. Non ti scordare di te stessa, presa dalla nuova vita, si fa presto a scordarsi, e a sbiadire ai nostri stessi occhi giorno per giorno. E così non ti sveglierai un giorno ululando alla prole e al marito che loro non ti rispettano… sei te che per prima non ti sei rispettata. Una mamma serena fa un bambino sereno.
 
4. Coccola tuo marito, l’altra parte della vecchia vita che non devi dimenticare. Oggi essere mamma è una novità, ma si fa presto anche qui a farsi ingurgitare da un ruolo così coinvolgente trascurando la coppia. Tuo marito è l’altro pilota su questa strada che avete intrapreso, concedigli il volante qualche volta e tienigli la mano. Invitalo a prendere un aperitivo a sorpresa, a un cinema o fissate un appuntamento settimanale o quindicinale per stare insieme da soli. E stravaccarsi sul divano in due con i vassoi della cena davanti non vale!
 
5. Fidati di te stessa e del tuo istinto, sii la tua migliore amica quando gli altri ti danno consigli non richiesti sull’allattamento, sulla culla/lettino/cosleeping, sullo svezzamento/auto svezzamento o sul non mandare tuo figlio al nido o lasciarlo con la tata. Ogni mamma ha grandi dubbi su se stessa all’inizio di una grande avventura e di un cambiamento così grande. Qualunque cosa il tuo istinto ti suggerisce è la strada da seguire, anche se va in una direzione non approvata dagli altri. Per esempio molti sono contrari all’autosvezzamento, che il bambino si strozza, io d’accordo con mio marito, l’ho provato dal sesto mese col piccolo contro tutti, compresa mia madre. Ha funzionato e oggi mangia tutto. Gli unici con cui devi essere in sintonia sono i tuoi compagni di strada: tuo marito e i tuoi figli.  

 

 

 

Arianna Orazi

 

Arianna, blogger e zingara senza scarpe, madre di Tommaso e Flavia, gemelli di 7 anni, e di Lorenzo (detto "Nanuzz"), di 2 anni. Bilingue, trimamma, monogama ed eclettica, naviga nel suo labirinto creativo di fettuccia e scrittura, lavoro e famiglia, alla ricerca del filo che annodi tutti i suoi interessi.

 

Il Blog dei Bonzi

 

Articoli che ti potrebbero piacere

Immagine
Coronavirus bambini
IL MIO BAMBINO

Salute

Coronavirus e bambini: una strana combinazione

Immagine
giochi in casa
VITA QUOTIDIANA

Giochi e attività

SOS noia: cosa a fare a casa con i bambini

Immagine
HERPES ZOSTER
IL MIO BAMBINO

Salute

Herpes Zoster (Varicella)