#Crescita e sviluppo

Il sonno del neonato

#Crescita e sviluppo
Il sonno del neonato
sonno neonato
Il sonno è un bisogno vero e proprio, è una necessità per adulti e piccini ed è un fenomeno complesso che richiede tempo per essere consolidato e soprattutto in continuo cambiamento.

Perché è fondamentale il sonno?

• Regola e attiva la produzione ormonale del corpo, quindi permette il buon funzionamento del nostro organismo e un buon sviluppo e crescita;

Dona energia, buon umore, pazienza, memoria e concentrazione;

• Permette una buona digestione e il controllo dell’appetito;

• Alimenta un buon sistema immunitario.

È davvero semplice comprendere che, al contrario, la mancanza di sonno si traduce in malessere, stanchezza, sfiducia, poca pazienza, conflitti familiari, sensi di colpa frustrazione, aumentato stress e un non ottimale funzionamento del corpo e questo vale sia per gli adulti che per i piccini.

La privazione di sonno è il vero nemico di un genitore.

Con l’arrivo del primo figlio appare subito chiaro che il concetto di sonno e riposo debbano essere rivisti e non è per niente facile, anzi il più delle volte è traumatico, perché la persona adulta ha instaurato una sua abitudine sul sonno, consolidata per anni. Improvvisamente tutto cambia con un neonato in casa.

Ma il sonno dei neonati è come il sonno di un adulto?

NO, assolutamente NO!

Il sonno di un neonato è in funzione dei suoi bisogni primari, ovvero mangiare, fare la cacca, il contatto, l’accadimento e coccole. Il suo sonno è completamente diverso e non ha alcun senso educare un neonato al sonno (questo passaggio avverrà, invece, più tardi con la sua crescita): il genitore deve occuparsi di soddisfare i bisogni del neonato e imparare a sintonizzarsi con lui, conoscerlo, osservarlo, imparare i suoi segnali di richieste varie e soprattutto imparare ad adattarsi ai suoi ritmi e tempi per riposare (la regola è, per quanto possibile, in qualsiasi ora del giorno e notte, riposare appena il bambino lo concede!).

È proprio per questo che è importante attivare tutti gli aiuti esterni possibili per aiutare soprattutto la madre nelle faccende domestiche e di gestione casa, così che lei possa riposare anche di giorno.

Il sonno non è continuo né per il neonato né per un adulto, infatti i cicli di sonno fisiologico di un neonato sono tra i 30/60 minuti mentre quello di un adulto è 90/120 minuti, questo significa che terminato questo ciclo tutti hanno dei risvegli o microrisvegli: noi adulti ci riaddormentiamo e non ci accorgiamo nemmeno, mentre il neonato cerca conforto e sicurezza.

I risvegli di un neonato sono fisiologici, dettati per la sua sopravvivenza, per la sua alimentazione, per i suoi bisogni e non sono dettati da cattiva gestione dei genitori o peggio ancora da capricci. Il tema sonno di un neonato è ancora davvero saturo di falsi miti che destabilizzato i neo-genitori e non permettono di trovare serenità e buona gestione.

Alcuni esempi di falsi miti? “non farlo dormire di giorno così dorme meglio la notte; il bambino deve fin da subito imparare a dormire da solo; fallo piangere e lascialo da solo, altrimenti prende il vizio”, potrei andare avanti le ore a elencarli . Cari genitori, ricordate che tutto è una fase e non “per sempre”, ma se la situazione a casa diventa difficile da gestire e la stanchezza è troppa non esitate a chiedere un aiuto, sia perla gestione della casa che per gestire diversamente il sonno.

Ad oggi ci sono tanti professionisti pronti a dare una mano, come ad esempio gli stessi pediatri, ostetriche, consulenti del sonno, psicoterapeuti e molti altri. Attivatevi per il vostro benessere, non sopportate disperatamente questa situazione difficile, perché basta davvero poco per trovare un nuovo e sano equilibrio!

 

daniela pergola

 

Daniela Pergola “Non solo un'ostetrica, accompagno donne, coppie, bambini a trovare la loro strada e a compiere le scelte migliori”. Scopri di più