Bagnetto in sicurezza: 5 regole per mamma e papà

Quando si diventa genitori ogni azione è accompagnata da insicurezza e timore, soprattutto durante i primi giorni a casa con il bebè. Anche il bagnetto, che a prima vista può sembrare un'operazione semplice, desta non poche perplessità e dubbi in mamma e papà.

Abbiamo pensato di condividere con voi qualche consiglio sul bagnetto del neonato, così da cercare di rispondere alle domande più frequenti e placare le normali ansie da neogenitori. Ecco quindi le cinque regole per fare un bagnetto in sicurezza al vostro bambino. 

Quando fare il primo bagnetto al neonato? 

Quando si torna a casa dall’ospedale bisogna fare immediatamente il bagnetto al proprio bambino? In realtà sarebbe meglio aspettare un po', almeno fino a quando il moncone del cordone ombelicale sia completamente caduto. L'attesa è necessaria affinché la ferita guarisca in mondo più veloce: bagnandola, infatti, la guarigione procederebbe più lentamente.

Il neonato va lavato tutti i giorni? 

Non c'è nessuna controindicazione a fare il bagnetto tutti i giorni a un neonato, a patto che vengano utilizzati saponi e detergenti adatti alla sua pelle delicata. Mamma e papà devono comunque tenere a mente che, in generale, il bagnetto può benissimo essere fatto ogni 2-3 giorni: se, poi, questo momento è particolarmente gradito dal bebè e lo aiuta a rilassarsi, ben venga anche una detersione quotidiana. La cosa importante, infatti, è che il momento dell'igiene non diventi stressate né per il piccolo né per i genitori.

Quale deve essere la temperatura dell’acqua? 

Quando ci si appresta a fare il bagnetto al bebè, mamma e papà hanno sempre paura che l'acqua possa essere troppo calda o, al contrario, troppo fredda. In generale possiamo dire che la temperatura corretta dell’acqua dovrebbe essere quella del corpo del bambino. Una temperatura di 36/37 gradi, quindi, è perfettamente adeguata allo scopo. Avete paura di sbagliare? Vi consigliamo di utilizzare un termometro galleggiante: in commercio ne troverete tantissimi.

Dove fare il bagnetto al neonato?

Molti usano semplicemente il lavabo, altri si trovano più comodi utilizzando le vaschette per il bagnetto, create appositamente per accogliere il bebè. A prescindere dal “contenitore” che sceglierete, l’importante è che il vostro bimbo si senta a suo agio e che non scivoli troppo sul fondale della vaschetta (o del lavandino). Molte vaschette sono dotate di fondino antiscivolo, perfetto allo scopo. 

Quali prodotti usare per il bagnetto del neonato?

Quando si fa il bagnetto al neonato è importante utilizzare prodotti appositamente formulati per la sua cute. La pelle di un bebè, infatti, è diversa dalla nostra e va protetta e trattata diversamente, idratandola adeguatamente, evitando così che si secchi eccessivamente. Mustela mette a disposizione di mamma e papà linee complete per il bagnetto del bebè, con formulazioni prive di parabeni, ftalati e fenoessietanolo.

Ci auguriamo che queste cinque semplici regole possano essere utili a tutte le mamme e a tutti i papà: il bagnetto deve essere un momento di relax per tutti voi.

Articoli che ti potrebbero piacere

Immagine
advice toilette mini
IL MIO BAMBINO

Emozioni e comportamento

Il primo bagnetto

Immagine
advice soigner atopie mini
VITA QUOTIDIANA

Sicurezza

La sicurezza in casa