#Parto e nascita

5 motivi per fare mindfulness in gravidanza

#Parto e nascita
5 motivi per fare mindfulness in gravidanza
mindfullness gravidanza
La pratica della mindfulness può essere di grande aiuto in gravidanza: permette di combattere lo stress e di gestire l’ansia in modo positivo. Scopriamo di più.

La gravidanza è un momento di grande cambiamento, sia fisico che mentale. Il corpo muta costantemente per accogliere e far crescere dentro di sé una nuova vita e, a livello mentale, possono affiorare paure e timori. Un po' di ansia è normale, ma è necessario non lasciarsi sopraffare dalle molte emozioni. La mindfulness può essere un ottimo modo per affrontare con consapevolezza i nove mesi della gestazione e arrivare più rilassate al momento del parto.

Grazie alla mindfulness, detta anche protocollo Mindfulness Based Stress Reduction, si impara a porre attenzione al momento presente. E' una vera e propria tecnica di meditazione che agisce su mente e corpo per combattere gli stati d'ansia, i disturbi dell'umore e l'insonnia. Inoltre contribuisce a combattere il dolore cronico, favorendo concentrazione e buonumore.


Perché praticare la mindfulness in gravidanza

Ora che abbiamo scoperto cos'è la mindfulness, appare chiaro il motivo per il quale la pratica rappresenti un percorso che ogni mamma dovrebbe concedersi durante i lunghi nove mesi della gravidanza. Approfondiamo l'argomento per scoprire tutti benefici che la tecnica porta con sé.

1. Fare mindfulness diminuisce il dolore pelvico

Uno studio del 2009 ha evidenziato come la pratica costante della mindfulness contribuisse a diminuire il dolore pelvico, che molto spesso colpisce le donne durante l’ultimo trimestre di gestazione.

2. La mindfulness ci aiuta ad accettare i cambiamenti

La mindfulness è una pratica che aiuta a concentrarsi sul momento presente, sull'ascolto del proprio corpo e dei propri bisogni. Proprio per questo motivo aiuta a superare la paura degli imprevisti e l'ansia che deriva dal proiettare il timore dell'ignoto sul futuro.

3. La mindfulness riduce lo stress

Lo stress è sempre dannoso ma, soprattutto durante la gravidanza, può portare la futura mamma a non vivere bene i mesi che la separano dal parto. Le cose da preparare sono tante e la vita scorre velocemente insieme agli impegni quotidiani e al lavoro. Prendersi un momento solo per sé e concentrasi sul benessere della propria mente e del proprio corpo aiuta a sentirsi più centrate e più consapevoli. Il risultato? Si lasciano da parte ansia e frustrazioni e i livelli di stress calano notevolmente.

4. La mindfulness contribuisce alla prevenzione della depressione post partum

La depressione post partum colpisce fino al 20% delle mamme: rientra nel grande insieme dei disturbi dell'umore e può inficiare negativamente sulla vita della puerpera, che può arrivare a perdere il senso della maternità stessa. Praticare la mindfulness durante la gravidanza previene questo disturbo perché mette la gestante in una disposizione di spirito positiva, sia nei confronti della gravidanza che rispetto al bambino che sta per arrivare.

5. La mindfulness ci insegna a respirare

La respirazione è un'azione fondamentale ma, spesso, ansia e tensione ci portano a respirare superficialmente, peggiorando lo stato mentale e favorendo la comparsa dello stress. Durante una sessione di mindfulness, al contrario, la respirazione è consapevole e profonda: oltre a essere un valido allenamento per il travaglio, questa pratica diventerà importantissima per imparare a rimanere calme, mantenendo il controllo della situazione.


Insomma, i motivi per praticare la mindfulness in gravidanza sono moltissimi e si tratta di un training mentale a cui le mamme non dovrebbero assolutamente rinunciare. I centri in cui oggi si fa mindfulness sono tanti, anche in Italia, ed esistono anche moltissimi corsi online per tutte le persone che non possono spostarsi da casa. Per approfondire l'argomento è possibile affidarsi anche ai libri: vi nominiamo "Mindfulness in gravidanza" di Nancy Bardacke, edito da Edra, e "Gravidanza Mindful" di Tracy Donegan, edito da Red Edizioni. Non ci resta che augurarvi buona pratica e buon relax!