Se il neonato si scopre di notte: cosa fare?Dic. 2019

L’inverno ha fatto capolino e con lui le basse temperature tornano a far preoccupare mamma e papà, che vivono costantemente con la paura che il proprio bambino possa scoprirsi accidentalmente durante la notte. Quando, poi, si tratta di un bambino molto piccolo o, addirittura, di un neonato, la paura si trasforma in vero e proprio terrore. L'inverno può infatti portare con sé molteplici insidie: sindromi da raffreddamento e influenze sono dietro l'angolo.

 

Cerchiamo, quindi, di capire come ovviare al problema, mettendo a punto una strategia che possa tranquillizzarci qualora nostro figlio abbia l'abitudine di scoprirsi mentre dorme.

 

Come controllare se il bimbo ha freddo

Avete notato che vostro figlio si è scoperto mentre faceva la nanna? Prima di tutto cercate di capire se ha freddo o meno. Per appurare la cosa potete appoggiare le vostre mani su collo e sulla testa del bebè: se queste parti del corpo sono calde, potete tranquillizzarvi; significa, infatti, che l'organismo del piccolo sta lavorando adeguatamente, provvedendo a mantenere caldo il bambino. Qualora testa e collo siano fredde, provvedete a coprire il bimbo così da farlo riscaldare.

 

Che pigiamini usare se il bimbo si scopre di notte

Se il vostro bambino ha l'abitudine di scoprirsi di notte, è bene che corriate ai ripari scegliendo un adeguato abbigliamento notturno che, in caso di momentanea assenza della coperta, possa tenerlo al caldo. In inverno, per esempio, potete affidarvi alla biancheria intima in cotone felpato o ai classici pigiamini di ciniglia, soprattutto se il bebè ha pochi mesi.

 

Che coperte usare se il bambino si scopre di notte

Esistono delle particolari coperte capaci di tenere lontane le preoccupazioni di mamma e papà. Se il vostro bambino, infatti, ha l'abitudine di scoprirsi durante la notte, forse è il caso che vi affidiate al cosiddetto sacco nanna: si tratta di una coperta che - letteralmente - si aggancia al corpo del bambino (proprio come se si trattasse di una salopette) tenendolo sempre e comunque al caldo. I sacchi nanna vanno ovviamente scelti in base alla taglia e in base alla resistenza termica, ovvero alla capacità di riscaldare rispetto alla temperatura presente nella stanza.

 

Quando invece il bambino è già grandicello, ovvero dai tre anni in su, il sacco nanna può essere tranquillamente sostituito con il classico piumone. Sarà sufficiente rimboccare bene le coperte prima della nanna o - se proprio volete stare tranquilli - utilizzare delle particolari fettucce che fermano il piumone sotto il materasso. Scoprirsi sarà davvero molto difficile!

 

Vota l’articolo
2

Invia

LEGGI ANCHE: