La vista del bebèDic. 2019

Ma quando il mio bambino apre gli occhietti, mi vede? Vede i colori?  Sa distinguere le persone?

La vista del neonato matura nell’arco dei primi 8 mesi di vita: vediamo come!

 

CHE COSA E COME VEDE IL NEONATO? 

Nei primi giorni di vita di un bebè mamma e papà si chiedono spesso cosa riesca a vedere il loro bambino: sicuramente la vista è l’ultimo dei sensi a svilupparsi completamente e alla nascita non ha ancora raggiunto il suo sviluppo completo ma non è vero che il bambino non vede nulla! Il senso della vista è estremamente ricco di significati e implicazioni particolari: vediamo quindi come si sviluppa nel tempo.

A partire dalla 28esima settimana di gravidanza, il feto apre già gli occhi e comincia a distinguere la luce dal buio. Quando la luce filtra attraverso la parete addominale viene percepita dal bambino come una tinta rossastra o viola. 

 

  • NEI PRIMI DUE MESI: SOLO DA VICINO

Dopo la nascita, il neonato percepisce vagamente il mondo: vede fin da subito, ma in modo non ben definito. Nei primi due mesi di vita il neonato è miope e quindi riesce a vedere chiaramente solo quello che è molto vicino al suo viso, a circa a 20-25 cm: riuscirà pertanto a vedere il volto di chi lo tiene in braccio, oltre questa distanza percepisce solo luce e movimento. Del resto è come se vedesse solo ciò di cui effettivamente ha bisogno: la madre che lo nutre e lo protegge.

Con il passare dei giorni l’acuità visiva migliora: forme e colori forti (rosso e blu) suscitano il suo interesse, in particolare è attratto dai motivi in bianco e nero che sono quello distinti in maniera più nitida. La sua attenzione è particolarmente attratta dalle facce e nel corso dei primi giorni di vita inizia a distinguere i volti l'uno dall'altro.

 

  • DAL TERZO MESE: ADESSO VA MEGLIO!

Dalla nona settimana di vita il bimbo inizia a sviluppare la visione binoculare: le informazioni fornite da entrambi gli occhi si fondono in una sola immagine e quindi il bambino può ora vedere anche oggetti fino ad alcuni metri di distanza.

Le facce restano ancora comunque di grande interesse: il piccolo inizia a studiare le varie espressioni del volto e a imitare quelle dei genitori.

Il bambino inizia inoltre a comunicare attraverso gli occhi: guarda i genitori e poi sposta lo sguardo sull'oggetto che vorrebbe avere. 

 

  • A PARTIRE DAL QUARTO MESE: IL MONDO A COLORI

Dal 4° mese di vita la percezione e la distinzione dei colori è pressoché completa e simile a quella dei grandi.

Inoltre intorno ai 4 mesi di vita inizia a sviluppare il coordinamento mano-occhio per cui tenta di afferrare con la mano ciò che vede con gli occhi.

 

  • DA SEI MESI IN SU

La percezione della profondità è ancora più delineata e la sua capacità visiva è pressoché completa, simile a quella di un adulto. Da questo periodo in avanti il bambino analizzerà sempre più da vicino gli oggetti, esplorandoli nei dettagli. Il passaggio poi dalla posizione supina a quella seduta gli consente una prospettiva diversa del mondo e, iniziando a sviluppare il movimento dapprima gattonando e poi camminando, sarà pronto per utilizzare questo meraviglioso senso alla scoperta del mondo!

 

 

Dott.ssa Valentina Decimi - Salvagente Italia 

(Pediatra)

Vota l’articolo

Invia

LEGGI ANCHE: