Scopri la ginnastica dei bambini

Scopri la ginnastica dei bambini - Mustela

SCOPRI LA GINNASTICA DEI BAMBINI

La ginnastica per i bambini dai sei mesi ai sei anni è un ottimo modo per sviluppare le loro capacità sociali e motorie: strisciare, rotolarsi, gattonare, saltare e correre - in altre parole: divertendosi! E per te è un'ottima occasione per giocare e divertirti col tuo bambino!
I bambini scoppiano di energia appena sentono la parola "via!", non riescono a star fermi! Vogliono anche esplorare il mondo intorno a loro, testare il loro corpo ed interagire con gli altri bambini. 
La ginnastica per i bambini è tenuta da terapisti nell'ambito psicomotorio o da allenatori specialisti e aiuta a sviluppare le loro capacità motorie, a coordinare i movimenti e a migliorare l'equilibrio e la consapevolezza fisica. É anche un modo per far abituare il tuo bambino alla presenza di altri coetanei, specialmente se non va all'asilo. 

Un ambiente sicuro per giocare

Queste palestre per la ginnastica sono ricoperte di materassini colorati, ripiene di palline, tunnel e reti da arrampicata, qui i bambini si potranno divertire in completa sicurezza. Possono sfogarsi fino in fondo senza mai farsi male.

Che tu sia la mamma, il papà, il nonno o la tata, dovrai stare col tuo bambini per farlo sentire stimolato e rassicurato. Anche se il tuo bambino è già un po' più grande ti suggeriamo di non perderti questa opportunità per trascorrere un po' di tempo a giocare con lui. 

Varie attività stimolanti

Il target dei bambini per questa attività va dai cinque-sei mesi (o comunque dopo i loro primi passi) fino ai sei anni. I bambini vengono divisi in piccoli gruppi e sessioni che di solito durano 45 minuti o un'ora, tempi quindi non troppo lunghi per i più piccoli.
 
Le attività vengono organizzate in base all'età e sono sempre accompagnate dalla musica. L'insegnante prende un po' di tempo per conoscere i bambini, poi i più piccoli (quelli fino ai 18 mesi) fanno qualche esercizio motorio (pedalare, acchiappare i piedi, battere le mani...) da sdraiati o da seduti sui materassini. Poi proseguono esaminandoli mentre camminano, corrono, saltano, si rotolano, fanno capriole e giocano con la palla.
 
Gli inseganti possono organizzare brevi corse ad ostacoli con i più grandi, esercitare una serie di movimenti, praticare giochi di equilibrio e piccole arrampicate per aiutarli ad usare e controllare le loro abilità fisiche.
 
Non ci sono solo attività fisiche, i bambini cantano filastrocche, ballano in cerchio o giocano a gruppi. In alcune palestre fanno pure i massaggi! Spesso i corsi terminano con un momento tranquillo con musica rilassante e dolce. Sei pronta ad iniziare la ginnastica col tuo bambino? Per essere certa che sarà divertente sia per te che per lui ti consigliamo...

Consigli pratici

Sei pronta ad iniziare la ginnastica col tuo bambino? Per essere certa che sarà divertente sia per te che per lui ti consigliamo… 
 
Vestilo con abiti comodi e non attillati (maglietta e pantaloni da ginnastica o leggings) in modo che abbia libertà nei movimenti.
 
Puoi lasciarlo andare senza scarpe per restare a diretto contatto col pavimento e migliorare così l'equilibrio. 
 
Scegli un orario in cui sai che il tuo bambino sarà sveglio e pieno di energia, evita il momento della siesta e dopo i pasti.
 
Lascia che il tuo bambino esplori  il nuovo ambiente da solo se non vuole prendere parte alle attività fin da subito, puoi restare a guardare gli altri bambini o semplicemente andare a
casa e tornare la settimana dopo. La ginnastica dei bambini deve essere un momento di divertimento.
 
Ricorda di portare snack e bevande, ideali per dissetarsi e riprendersi dopo la fatica! Infine organizza dei momenti tranquilli una volta arrivati a casa, il tuo ambino sarà stanco dopo tanto movimento. 

DÉCOUVREZ NOS PRODUITS

CONSIGLI

  • Lo sviluppo sensoriale attraverso la musica

    Bambini e musica: una vera storia d'amore… Ancora prima di nascere i bambini sono sensibili ai suoni che li raggiunono...

  • Prendersi cura della sua pelle

    Fino ai 3 anni di età la pelle del bambino è fragile e immatura: si difende con difficoltà dagli attacchi esterni (freddo, vento, sole, aria secca...)